Il servizio di interpretariato LIS (Lingua dei Segni Italiana) consente alle persone sorde di poter comunicare e relazionarsi nel sociale e nel quotidiano superando le difficoltà intrinseche alla loro condizione.

La nostra struttura si rende operativa in tutti i campi e gli ambiti in cui ogni forma e modo di comunicazione sia possibile ed applicabile.

Non ci occupiamo solo di lingue straniere, ma anche di una serie di servizi di supporto alle più svariate forme di comunicazione. Riteniamo, infatti, che la possibilità di comunicare non vada racchiusa e limitata, ma – al contrario – venga estesa a 360 gradi a tutte quelle circostanze in cui ve ne sia la necessità.

In tal senso, ci interessiamo di comunicazione “a tutto tondo”.

Siamo a disposizione di chi ha necessità di comunicare in modo diverso ed alternativo mediante la collaborazione con un’eccellente professionista della Lingua dei Segni, riconosciuta ed affermata in provincia di Caserta.

Profondiamo il massimo impegno nel creare le condizioni ed i presupposti per offrire a tutti la possibilità di comunicare e, per quanto possibile, eliminare le difficoltà e gli ostacoli alla comunicazione.

 

COS’È LA LINGUA DEI SEGNI ITALIANA (LIS)?

È una lingua che viaggia sul canale visivo-gestuale, integro nelle persone sorde, e che consente loro pari opportunità di accesso alla comunicazione. Si è evoluta naturalmente, come tutte le lingue, con una struttura molto diversa dalle lingue vocali, più comunemente conosciute, che utilizza sia componenti manuali che non-manuali, quali l’espressione facciale, la postura, ecc. Ha meccanismi di dinamica evolutiva e di variazione nello spazio e rappresenta un’importante strumento di trasmissione culturale.

Così come avviene per le lingue vocali, ogni comunità ha la propria lingua dei segni: in Italia troviamo la Lingua dei Segni Italiana (LIS), negli USA l’American Sign Language (ASL), in Gran Bretagna la British Sign Language (BSL), etc.

La LIS, come le altre lingue dei segni nel mondo, è una lingua ricca ed autonoma, con un lessico in costante evoluzione e regole che consentono di “segnare” qualsiasi argomento, dal più concreto al più astratto.

Per capire bene la differenza tra una lingua parlata, per esempio l’italiano, e una Lingua dei Segni bisogna immaginare la prima come un “nastro” formato da parole che si susseguono l’una all’altra e che si “introducono” nell’orecchio a stimolare il senso dell’udito. La Lingua dei Segni, invece, si costituisce come tante immagini che si sovrappongono l’una all’altra. E’ quindi intuitivo capire che le persone sorde strutturano il loro pensiero in maniera diversa e questo ha importanti conseguenze, soprattutto nel momento in cui il bambino sordo viene inserito nella scuola normale: la Lingua dei Segni permette all’alunno di ricevere i contenuti attraverso il senso della vista, integro a differenza dell’udito, seguendo gli stessi ritmi dei suoi compagni udenti, aumentando oltre che il suo bagaglio culturale, anche la sua autostima e favorendone l’integrazione e la definizione di un’identità forte.

Il 17 giugno 1988 il Parlamento Europeo ha emanato una risoluzione per il riconoscimento delle lingue dei Segni negli Stati Membri della Comunità Europea e da allora molti paesi, passo dopo passo, si sono adeguati a tale risoluzione, mentre altri (tra cui l’Italia) sono ancora in via di adeguamento.

 

CHI È E COSA FA L'INTERPRETE LIS.

L'interprete LIS è un professionista abilitato a tradurre dalla Lingua parlata alla Lingua dei Segni e viceversa.

L'interprete, nel momento in cui compie un processo di elaborazione sul messaggio della lingua di partenza per riformularlo nella lingua di arrivo, utilizza con padronanza, sia il canale acustico-verbale sia quello visivo-gestuale.

L'interprete deve conoscere le lingue e le culture che utilizza al fine di garantire la traslazione reale e fedele da una lingua all'altra, fornendo tutte quelle sfumature che diversamente non verrebbero rese.

L'interprete professionale di lingue dei segni è colui che effettua servizi di interpretazione da e in diverse lingue.

E' sua competenza la traduzione, l'interpretariato e l'interpretazione in simultanea ed in consecutiva dalla LIS all'italiano e viceversa. Inoltre, può interpretare dalla LIS ad una lingua dei segni straniera e viceversa.

 

L'interprete opera in diversi settori e situazioni, quali ad esempio:

  • Servizi di trattativa: incontri privati con medico, avvocato, notaio, ecc.;
  • Servizi di conferenza: convegni, congressi, seminari, workshop, ecc.;
  • Interpretariato scolastico: licei, università, ecc.;
  • Tempo libero: spettacoli, teatro, ecc.;
  • Eventi sportivi: gare, concorsi, ecc..

 

Le tipologie delle prestazioni dell'Interprete LIS sono le seguenti:

  • Consulenza professionale;
  • Interprete coordinatore;
  • Interprete di conferenza (seminario, convegno, corso di aggiornamento, tavola rotonda, ecc.);
  • Interprete di trattativa;
  • Interprete turistico;
  • Interprete/traduttore di cinema, teatro, home video, testi;
  • Interprete-tutor;
  • Interprete-docente.

 

Gli ambienti nei quali per eccellenza opera l'Interprete LIS sono i seguenti:

  • Relazioni sociali;
  • Convegni;
  • Dibattiti;
  • Tavole rotonde;
  • Riunioni;
  • Assemblee;
  • Atti notarili, giudiziari, ecc..

 

CAMPI DI APPLICAZIONE DELLA LIS.

L'attuale normativa prevede l'intervento d'interpretariato tra sordi ed udenti in specifici ambiti:

  • SCOLASTICO – applicabili la Legge 508/58, e le circolari del Ministero della Pubblica Istruzione n.163 del 16/06/83 e n.262 del 22/09/88;
  • UNIVERSITARIO – applicabile l'art. 13 della Legge 104/92;
  • LAVORATIVO – applicabile l'art. 7, comma II, della Legge 308/58;
  • GIURIDICO E LEGALE – applicabili gli art. 56, 57, 58 della Legge Notarile, gli artt. 119, 143, 1238/1939 (Stato Civile ed Anagrafe);
  • PATENTE DI GUIDA – applicabili la circolare n. 36/93 e la nota ministeriale n.3441/93 del Ministero dei Trasporti, e l'art. 7 della Legge 308/58;
  • INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE – applicabile l'art.25 della Legge 104/92;
  • SANITARIO – applicabile l'art.9 della Legge 104/92;